mercoledì 30 novembre 2011

Un dolce dal profumo d' inverno...Plumcake con succo d' arancia

Ci sono dei profumi e dei sapori che difficilmente riesci a scordare! A volte il profumo di un dolce appena uscito dal forno è così inebriante che spesso non c'è neanche bisogno di assaggiarlo...solo sentendone l' odore riesci ad immaginare il sapore e la sua bontà!! Ed è esattamente quello che è successo l' altra sera, quando ho preparato due plumcake all' arancia dal profumo e dal sapore così buoni che difficilmente riuscirò a dimenticare!!! Un plumcake scoperto per caso qualche sera fa nel post dei 7 links del blog Le padelle fan fracasso e che solo a guardarlo ho deciso che andava provato al più presto!! La cosa che mi è piaciuta di più di questo cake è stata la presenza del succo d' arancia nell' impasto e ho immaginato subito quale profumo e sapore intenso potesse avere così che, è stato amore a prima vista...Perciò l' altra sera, appena tornata dal lavoro mi sono messa subito all' opera, ho preparato questo cake e in poco tempo la casa è stata pervasa da quel profumo che sa d' inverno e di festa, il profumo degli agrumi che tanto mi piace e che solo a sentirlo mi ha riempito il cuore di gioia...

Plumcake con succo d' arancia

Ricetta riportata fedelmente da qui con una sola variazione: al posto del' olio di semi ho utilizzato l' olio di oliva in quantità leggermente inferiore

Ingredienti:
250 g di farina 00
50 g di fecola di patate
200 g di zucchero
3 uova intere 
100 g di olio d' oliva 
la buccia grattugiata di due arance
(possibilmente bio)
180 g di succo d' arancia
una bustina di lievito per dolci
zucchero a velo per spolverare
(facoltativo)
Procedimento:
Con la planetaria (in alternativa con le fruste elettriche) montare le uova con lo zucchero, quindi unire il succo d' arancia, la buccia grattugiata e l' olio. Aggiungere poi la farina, la fecola e il lievito setacciati e amalgamare bene il tutto. Versare il composto in uno stampo grande per plumcake imburrato o in due più piccoli come ho fatto io. Cuocere nel forno già caldo a 180° per circa 30/40 minuti facendo comunque la prova stecchino per verificare la cottura. Sfornare e lasciare raffreddare. Potete spolverare infine con lo zucchero a velo o come ho preferito io servire così al naturale.





Credetemi! Un plumcake deliziosamente morbido e profumato...Dovete provarlo assolutamente e poi mi farete sapere cosa ne pensate!! Un grazie di cuore a Sandra per avermelo fatto scoprire e buona giornata a tutti voi! 
Un bacio...Patrizia










lunedì 28 novembre 2011

Intermezzi Salati: Pasta e fagioli in crosta

Buongiorno e buon lunedì! Avete passato bene il fine settimana? Il Natale si avvicina e le cose da fare aumentano sempre di più...Io personalmente dedico il sabato ai vari giretti da fare mentre la domenica preferisco rimanere a casa e dedicarmi ai vari lavoretti che durante la settimana non riesco proprio a seguire. E poi naturalmente dedico anche un pò di tempo alla cucina, magari per sperimentare nuovi piatti o rivisitare vecchie ricette...Infatti ieri avevo in mente di fare una tradizionale pasta e fagioli che personalmente adoro e che per fortuna anche in casa ne vanno ghiotti!! Stavolta però l' ho voluta del tutto trasformare per renderla un piatto da festa...Il sapore naturalmente non ha subito grosse variazioni, ma la presentazione è stata notevolmente diversa!!! 

Pasta e fagioli in crosta

Ingredienti:
(per 4 porzioni)
400 g di pasta brisée 
(o 2 rotoli di quella pronta)
400 g di fagioli borlotti lessati
250 g di ditalini
200 ml di besciamella 
2 tuorli d' uovo
un pizzico di noce moscata
un rametto di rosmarino
sale e pepe q.b.
Vi serviranno anche:
4 teglie a cerniera da 12 cm 
(o 4 stampi in ceramica della stessa misura)
Procedimento:
Stendere con il mattarello la pasta brisée in una sfoglia sottile che taglierete in 4 cerchi della misura adatta per foderare le teglie rivestite di carta da forno. Riporre le teglie rivestite in frigorifero e nel frattempo passare i fagioli nel passaverdure tenendone da parte 4 cucchiai. Alla purea di fagioli ottenuta aggiungere la besciamella, i tuorli, la noce moscata e il sale e il pepe. Cuocere i ditalini in acqua salata e scolarli al dente. Unire la pasta al composto di fagioli, quindi aggiungere anche i fagioli interi messi da parte, il rosmarino lavato e sminuzzato, un' altra macinata di pepe e un filo d' olio. Mescolare con delicatezza. Estrarre le teglie dal forno, punzecchiare con una forchetta la superficie della pasta e farcirle con il ripieno preparato. Cuocere in forno già caldo a 200° per circa 25 minuti, quindi sfornare e servire subito in tavola.


Una maniera insolita di gustare una deliziosa pasta e fagioli!!



Con le immagini di questa torta salata dal ripieno rustico e tradizionale vi auguro una buona settimana!! Un bacio...Patrizia



Con questa "pasta e fagioli rivisitata" partecipo al contest 










venerdì 25 novembre 2011

Uno sguardo indietro nel blog...My 7 links project

Con un pò di ritardo, finalmente riesco anche io a fare un tuffo nel passato del mio blog arrivato quasi al compimento del primo anno!! Il motivo di questo viaggio a ritroso sicuramente lo conoscerete già tutti...Complice il gioco che impazza ormai da qualche giorno su molti blog e che consiste nello scegliere dei post relativi a 7 domande ben specifiche ed invitare poi altri 7 blog a fare lo stesso! Le amiche FrancescaCranberry ed Elena hanno pensato bene di passarmi la mano ed io ho accettato volentieri!! Certamente non è stato facile sceglierli, ma spulciando tra le varie ricette ci sono riuscita anche se più volte mi sono fermata davanti al computer più indecisa che mai!! Ecco quindi le 7 domande con i relativi post e un' occasione in più per farmi conoscere meglio da voi!!

Il post il cui successo mi ha sorpreso...


Questo è stato davvero un successo inaspettato!!! E' stato il mio primo post degli   "Intermezzi salati", diciamo che è stata una sfida con me stessa per vedere che effetto potevano avere le ricette salate nel mio blog nato per i dolci...Che dire? Il successo è stato davvero inaspettato, tutti hanno gradito e tra l' altro con questi mini-cake ho vinto anche il mio primo contest " Metti la pasqua in tavola "!!

Il post più bello...


E qui purtroppo subentra il sentimento!!! Sicuramente ce ne saranno stati altri di post più belli...ma questo è il post del cuore!! I muffin al cioccolato fatti esclusivamente per il compleanno dei miei ragazzi! Mentre lo scrivevo mi sono emozionata tanto ed ogni volta che lo vedo succede la stessa cosa...Quindi per me è sicuramente il più bello!!!

Il post più popolare...


Nonostante questo sia uno dei miei primi post ( lo notate perfettamente dalle foto!! ) questo è stato il post in assoluto che ha avuto più visite!! Uno stragoloso tiramisù al cioccolato che evidentemente ha fatto gola a tanti!!!

Il post che non ha avuto il successo che meritava...


Questo è veramente uno dei primissimi post e naturalmente non è stato visto quasi da nessuno! Pensate solo 3 commenti per questa torta al cioccolato che tutti conoscerete e che ogni volta che faccio me la mangerei tutta da sola!!! Per questo ho deciso di riproporlo qui e sono certa che oggi avrebbe avuto il successo che meritava!!!

Il post più controverso...


Una girella a 4 stelle

Non credo di aver avuto dei post controversi nel mio blog! L' unica cosa che mi viene in mente, è questa ricetta che ho dovuto fare per il gioco Naso da Tartufo's...Dovevamo fare un dolce con del cibo spazzature ( ad esemio merendine!! ) e rendere questa ricetta un piatto a 4 stelle!! Devo dire che non mi è piaciuta neanche mentre la preparavo, forse l' ho fatta controvoglia perchè non mi piace fare dei piatti con delle caratteristiche obbligate e credo che di questo se ne sia accorta anche la giuria...Infatti mi sono classificata tra gli ultimi posti!!!

Il post più utile...


Anche qui non è stato facile!!! Di post utili in senso stretto non ce ne sono per ora nel mio blog, anche se ho in mente di fare in futuro delle pagine dedicate proprio alle preparazioni di base da tenere sempre a portata di mano...Speriamo che il tempo me lo permetta al più presto!!! E allora ho scelto di mettere come post più utile questa deliziosa, semplice e soffice torta allo yogurt...Perchè è sempre utile avere a portata di mano questa ricetta per preparare una confortevole colazione o una gustosa merenda!!!

Il post del quale vado più fiera...


E qui non ci sono dubbi!!! Ho scelto senza neanche pensarci due volte questo post che mi ha dato veramente tanto!!! Con questo primo piatto ho vinto inaspettatamente ben due contest!! Il primo è stato quello di Ambra e della sua Piccola bottega di campagna di Ottobre e dopo pochi giorni, quello di Natalia La pasta fatta in casa!!! Un successo che davvero non mi aspettavo e del quale ne vado fiera!!!



Ed ora, dopo questa carrellata di foto e di ricordi, è arrivato il momento di chiamare in causa altre 7 amiche foodblogger a cui passare il testimone!! Sinceramente non ho visto se già hanno già ricevuto l' invito e se siano d' accordo a continuare questa staffetta dei ricordi!! Io le invito a farlo sperando sia cosa gradita!! 

1) Chiara del blog Cucinando con mia sorella
2) Mascia del blog Cuori in padella
3) Rossella del blog Le delizie di casa mia
4) Cristina del blog La zucca capricciosa
5) Simona del blog Zucchero e Viole
6) Natalia del blog Fusilli al tegamino
7) Cinzia del blog Ilricettariodicinzia



Grazie a Francesca, Cran ed Elena per avermi invitato a partecipare a questo gioco!! 
Buon fine settimana a tutti!! Un bacio...Patrizia






martedì 22 novembre 2011

Treccine di ricotta di Montersino, la mia versione e... a tutto c' è rimedio!!

Buongiorno!! Oggi voglio raccontarvi quello che mi è successo ieri e desidererei avere un vostro parere sull' accaduto! Dunque, parto dal dirvi che la giornata di ieri per me è stata particolarmente difficile su vari fronti...Un clima super-stressante in ufficio ed un' arrabbiatura paurosa con mio figlio di 16 anni ( della serie "una ne fà e 100 ne pensa!!!" ) mi hanno fatto passare davvero dei momenti neri, di quelli che è difficile scordare subito!!! Quindi, ritrovatami a casa nel tardo pomeriggio, decido che devo assolutamente scrollarmi di dosso tutti i pensieri che mi aggrovigliano il cervello e decido di mettere in atto il mio scacciapensieri preferito....PREPARARE UN DOLCE!!! Sì, avete capito bene, per me uno dei modi per rilassarmi è dedicarmi ad una cosa che mi piace e cucinare è una di queste!! Perciò prendo il bellissimo libro di Montersino " Croissant e Biscotti " e mi accingo a preparare quelle belle treccine soffici che da tanto volevo provare! Gli ingredienti per fortuna li ho tutti, compresa una bella forma di ricotta comprata giusto ieri mattina...In pochi minuti, bilancia alla mano, li metto tutti in fila sul piano da lavoro. Inizio ad impastare queste semplicissime treccine e in un baleno mi accorgo che qualcosa non va!!! L' impasto è troppo morbido, appiccicatissimo, come una pasta choux per capirci, e quindi sicuramente ho sbagliato qualcosa!! Rileggo attentamente gli ingredienti elencati, li ho messi tutti e il peso era quello riportato nella ricetta...e allora? Cosa c' è che non va? Non mi faccio comunque prendere dal panico ( oggi non è proprio la giornata per potermelo permettere!!! ) ed inizio ad aggiungere la farina fino a rendere un impasto lavorabile con le mani... 100 g, altri 50 ed altri 50 ancora fino ad arrivare ad aggiungere ben 200 g di farina in più rispetto al peso indicato!!! Ma cosa c' è di sbagliato? Rileggo attentamente il procedimento, molto semplice tra l' altro, che dice di amalgamare insieme tutti gli ingredienti, fino ad ottenere un impasto liscio ma non eccessivamente lavorato e di modellare poi dei filoncini per formare le trecce. Poi leggo che bisogna spennellarle con l' uovo sbattuto...ma quale uovo? Nell' elenco degli ingredienti è indicato un solo uovo ed io l' ho messo nell' impasto visto che la descrizione diceva "AMALGAMARE BENE TUTTI GLI INGREDIENTI" , quindi il solo uovo citato, andava nell' impasto o serviva per la spennellatura? Bò, sinceramente ancora non l' ho capito anche perchè non è scritto da nessuna parte " escluso l'uovo ", ma come ho già detto, tutti gli ingredienti!!! Quindi sicuramente ho sbagliato io ma devo dire che la ricetta secondo me non è spiegata particolarmente bene! E allora dico... Perchè mai non fanno più attenzione a queste cose! Per fortuna io ho saputo rimediare aggiungendo altra farina, ma chi è alle prime armi e si accinge a provare quella splendida ricetta e come me ( sbadatamente forse? ) non si accorge che l' uovo forse non andava nell' impasto ma era per la spennellatura, che fa? Butta tutto e si scoraggia davanti ad un fallimento simile? Non lo trovo giusto Non voglio assolutamente dire che quel libro ( che tra l' altro io adoro particolarmente!! ) sia sbagliato,  ma semplicemente voglio sottolineare che i procedimenti delle ricette dovrebbero essere più precisi per non incorrere in errori del genere!! Comunque c' è da dire che anche con l' uovo nell' impasto sono venute buonissime e forse la mia variazione non è niente male!!! Quindi la prossima volta che farete le treccine di Montersino, decidete voi se fare le originali o la mia versione nata da una "disattenzione"!!! A voi la scelta amiche mie!! E comunque, non tutto viene per nuocere... Questa esperienza, in una serata come quella di ieri, mi ha fatto capire che, anche quando tutto, e dico tutto sembra perduto, non bisogna scoraggiarsi perchè A TUTTO C' E' RIMEDIO!!!! 

Treccine di ricotta

Ingredienti:
( per 16 treccine )
250 450 g di farina 00
250 g di zucchero semolato
375 g di ricotta di pecora
un cucchiaino di lievito per dolci
un cucchiaino di essenza di limone
un pizzico di sale 
un uovo 2 uova intere
zucchero semolato q.b. per spolverizzare
Procedimento:
Amalgamare tutti gli ingredienti (tranne un uovo per la spennellatura) fino ad ottenere un impasto liscio ma non troppo lavorato. Modellare delle palline da circa 60 g ciascuna, quindi lavoratele per ottenere dei filoncini e successivamente formate delle trecce. Disporle su una teglia foderata con carta da forno ben distanziate, spennellarle con l' uovo sbattuto e spolverizzarle con lo zucchero semolato. Cuocere nel forno già riscaldato a 150° per circa 30 minuti. Servire le treccine tiepide o fredde.







Stamattina il risveglio è stato decisamente migliore con queste morbide treccine...Ora non mi resta di vedere come sarà il resto della giornata e mi auguro vivamente che non sia come quella di ieri!! 
Buona giornata anche a voi!! Un bacio...Patrizia


P.S. Scusate per l' interminabile post...Ma quando ce vò, ce vò!!!!





venerdì 18 novembre 2011

Intermezzi salati: Arista di maiale in agrodolce con cipolline

Buongiorno!! Finalmente riesco a dedicare cinque minuti a questo mio spazio personale quasi totalmente abbandonato negli ultimi giorni!! Una settimana da paura, in cui il tempo di stare a casa si è ridotto praticamente all' osso e di conseguenza anche il tempo di preparare qualcosina di invitante da potervi mostrare. Ecco quindi che mi è venuta in mente questa mia ricetta pubblicata nel numero di ottobre di OPEN KITCHEN Magazine e che ancora non avevo postato nel mio blog! Si tratta di un secondo di carne veramente molto veloce da fare e secondo me molto, ma molto gustoso!! Naturalmente per questo blog è una novità assoluta in quanto non ho mai postato un secondo di carne ma, come si suol dire...c' è sempre la prima volta!!! Passo dunque alla descrizione della ricetta...
Arista di maiale in agrodolce
con cipolline 


Ingredienti:
(per 4 persone)
8 fette di arista di maiale
un barattolo di cipolline borettane
4 cucchiai di miele
4 cucchiai di aceto balsamico
6 cucchiai di olio e.v.
sale e pepe q.b.
Procedimento:
In una padella mettere mettere l' olio con le fette di arista e farle rosolare per qualche minuto a fuoco vivace da entrambe le parti. Salare e pepare, quindi aggiungere le cipolline scolate dal loro liquido, il miele e la glassa di aceto balsamico. Mantecare bene il tutto e completare la cottura della carne giusto il tempo necessario a far restringere il condimento. Se necessario aggiustare di sale e pepe e servire immediatamente in tavola.



Approfitto di questo post per salutare alcune amiche foodblogger che ieri sera ho avuto il piacere di conoscere alla presentazione del libro  C' è tort@ per te nella libreria Feltrinelli di Roma. Tra le 16 foodblogger protagoniste del libro in questione c' era Simona, la simpaticissima "Pellegrina Artusi", e la dolcissima Pippi del blog Io...così come sono... ed incontrarle di persona è stato davvero molto bello!! Inoltre quest' evento è stato il pretesto per farmi vedere con altre amiche foodblogger di Roma che fino ad oggi non  c' era stato modo di incontrare... Finalmente ho dato un volto alle mie care amiche CRANBERRY ( di Cappuccino&Cornetto ) e CHIARA  ( di Cucinando con mia sorella ) ...sono felicissima di averle conosciute di persona!!! Un saluto anche alla carissima Roberta del blog Pasticci in cucina!! Insomma, tanti bellissimi incontri e tutti in una volta!!! Abbiamo passato una serata davvero divertente e spensierata con il proposito di rivederci al più presto!! Grazie ragazze!!!
E dopo questa parentesi con la quale ho voluto rendervi partecipi della serata di ieri così piena di emozioni e risate, vi auguro un sereno week end e vi do appuntamento alla prossima ricetta! Un bacio...Patrizia











lunedì 14 novembre 2011

Sfogliata rustica di mele con nocciole e cannella

Buongiorno e buon lunedì!! In questo week end ho avuto talmente tante cosa da fare, che quasi quasi, oggi mi viene da dire: "Meno male che si torna al lavoro!!!". Ma non fa niente, del resto a volte il fine settimana è fatto proprio per questo, per sistemare cose in sospeso che durante la settimana non si riescono proprio a fare!! Per fortuna però nel pomeriggio, sono riuscita a ritagliarmi un piccolo spazio per preparare un dolcetto semplice e confortevole che, dopo due giorni del genere, ci stava proprio bene! Si tratta di una torta rustica che somiglia molto ad uno strudel e che a noi è piaciuta molto!! Pasta sfoglia, mele, cannella e nocciole sono i pochi ingredienti che servono e che sicuramente quasi tutti avrete in cucina! Quindi passo subito alla descrizione di questa...

Sfogliata rustica di mele
con nocciole e cannella

Ingredienti:
Un rotolo di pasta sfoglia
2 cucchiai di farina
2 cucchiai di zucchero di canna
3 cucchiai di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di cannella
2 mele grandi
30 g di nocciole
zucchero a velo q.b.
Procedimento:
Stendere il rotolo di pasta sfoglia su una tortiera di 24 cm di diametro foderata con la carta da forno lasciando i bordi al di fuori della teglia. Bucherellare la superficie e cospargere sopra lo zucchero di canna con la farina miscelati insieme. Sbucciare le mele ed affettarle finemente, quindi distribuirle sulla base della torta coprendo bene tutta la superficie. Unire in una ciotolina lo zucchero semolato con la cannella e spolverare le mele con la miscela ottenuta. Distribuire infine le nocciole tritate grossolanamente. Ripiegare ora i lembi della sfoglia sulle mele facendo delle piccole pieghe. Coprire con la carta di alluminio e mettere nel forno già caldo a 190° per circa 30 minuti. Sfornare, togliere l' alluminio e rimettere in forno per altri 15 minuti o fino a che il bordo di sfoglia sarà dorato. Togliere dal forno e lasciare raffreddare su una gratella per dolci, quindi spolverizzare con lo zucchero a velo. 




Sfogliata rustica di mele
con nocciole e cannella



Sarà pure una semplicissima torta ma, credetemi, è difficile resistere...io me la sono mangiata quasi tutta!!! Una deliziosa fetta di questa sfogliata ti rimette al mondo e spero che queste immagini vi facciano cominciare la settimana con dolcezza!! Un bacio...Patrizia





Con questa ricetta partecipo al contest "La torta d' autunno
del blog Semplicemente pepe rosa in collaborazione con Mama Shabby






venerdì 11 novembre 2011

Cuoricini di zucchero per un regalo goloso...

Li riconoscete questi cuoricini vero? Sono esattamente quelli che vedete nel banner del mio contest e che, come vi avevo promesso, oggi vi spiego come fare! Si tratta di un operazione veramente facile e che richiede solo un pò di pazienza e di attenzione. Basta avere dello zucchero a disposizione, un goccio d' acqua ( e dico un goccio! ), un piccolissimo stampino per biscotti della forma che più vi piace ed il gioco è fatto!! Io li trovo veramente graziosi ed anche utili, perchè alla fine non sono altro che delle zollette di zucchero, ma così carine che sicuramente addolciranno di più i vostri momenti di relax sciogliendole in una tazzina di caffè o in un bel thè fumante!! E poi sono anche graziosissimi da regalare, magari in una scatolina come quella che ho utilizzato io o in un bel barattolo di vetro confezionato a dovere! Detto ciò approfitto per ricordarvi il mio contest "REGALI DALLA MIA CUCINA: golosità e non solo", arrivato ametà del percorso e che vi aspetta fino al 13 dicembre con le vostre proposte home-made da regalare ad amici e parenti per il prossimo Natale ormai alle porte!! Detto ciò passo subito alla spiegazione di come dovete fare per creare questi...

Cuoricini di zucchero


Ingredienti: 
Zucchero di canna o semolato q.b 
( dipende da quante ne volete fare )
Acqua q.b.
Uno stampino per biscotti piccolissimo
Procedimento:
In una ciotola, mettere lo zucchero, aggiungere un goccio d' acqua alla volta e amalgamarlo. Dovrete ottenere un impasto umido ma non bagnato altrimenti si rischia che le zollette non si formino proprio. Mi raccomando quindi di controllare la quantità dell' acqua quando la versate nella ciotola. Una volta ottenuto il composto desiderato ( vi consiglio di fare delle prove per capire se è umido al punto giusto ), versarlo sul tavolo da lavoro e schiacciarlo bene con le mani fino ad ottenere uno spessore di 2/3 cm. Prendere quindi un piccolo stampino per biscotti della forma che più vi piace e imprimerlo nello zucchero schiacciando bene il contenuto all' interno dello stampino stesso in maniera che sia bello compresso. Livellare la superficie e togliere lo zucchero in eccesso, quindi far scivolare lentamente la zolletta su un vassoio facendo attenzione che non si rompa. Proseguire nello stesso modo fino ad esaurire lo zucchero e lasciare asciugare le zollette fino a che non si induriscono bene. Una volta asciugate, sistemarle in un barattolo o in una scatola. Questo procedimento così descritto vi sembrerà più difficile di quello che è veramente, ma basta fare la mano con le prime zollette e poi vedrete che è semplicissimo. Il segreto sta nell' indovinare la giusta umidità dello zucchero e il gioco è fatto!!!


Con questi dolcissimi cuoricini ringrazio di cuore Natalia che con il suo contest, mi ha dato l' opportunità di vincere la bellissima Ampia 150 della Marcato...E naturalmente sono anche per tutte voi!! Grazie a tutte per i tantissimi e calorosi complimenti che mi avete fatto per quella ricetta che mi ha dato tante soddisfazioni!!! Buon fine settimana! Un bacio...Patrizia!




P.S. Dimenticavo!! I cuoricini li troverete anche nella lista delle proposte del mio contest...Naturalmente FUORI CONCORSO!!!











mercoledì 9 novembre 2011

Intermezzi salati: Ravioli di ricotta e pere al tartufo nero

Buongiorno a tutti! Ieri è stata davvero una giornata di quelle in cui ti rendi conto che l' inverno è ormai alle porte! Vento e pioggia ci hanno tenuto compagnia per tutto il pomeriggio ed io, che dalla finestra del mio ufficio guardavo le foglie cadere dagli alberi, non vedevo l' ora di tornarmene a casa per crogiolarmi nel suo tepore. In effetti questo desiderio di casa a volte mi fa riflettere...Fino a qualche tempo fa non era così forte come in questi ultimi tempi e questo forse vuol dire che sto invecchiando? O forse sarà solo che i primi freddi ci fanno correre subito al riparo nel calore delle nostre case dopo una giornata di lavoro? Mah, pensiamola come ci pare, fatto sta che appena uscita dal lavoro mi sono fiondata direttamente a casa con un' idea che mi aveva frullato in testa per tutto il giorno!!! E quando il pensiero è fisso su una cosa, bisogna agire subito non credete? E così è stato!! Era da diverso tempo che volevo provare dei ravioli di ricotta e pere che ipoteticamente potrebbero essere il primo piatto della sera della vigilia di Natale...Sto correndo troppo? Secondo me no, perchè le giornate passano in fretta e in questo  mese e mezzo che manca  a Natale, ne avremo di cose da fare!! E allora meglio approfittare di questi pomeriggi casalinghi ancora tranquilli per dedicarci alle prove tecniche di Natale! E poi tra circa un mese il mio contest "REGALI DALLA MIA CUCINA: golosità e non solo" giungerà al termine e quindi oltre a preparare i miei regalini home-made dovrò selezionare con cura tutte le vostre proposte che  saranno arrivate ( spero tante!!!). Quindi ho pensato bene, in previsione dei prossimi giorni  super impegnativi, di avvantaggiarmi un pò e di provare subito questi...
Ravioli ricotta e pere
al tartufo nero
Ingredienti 
( per 20 ravioli )
Per la pasta:
300 g di farina 00
3 uova intere
1/2 cucchiaio di olio evo
un pizzico di sale
Per il ripieno:
250 g di ricotta di pecora freschissima
2 cucchiai di grana grattugiato
una pera sbucciata
un fiocchetto di burro
sale e pepe q.b.
Per il condimento:
50 g di burro leggermente salato
4 cucchiai di grana grattugiato
un tartufo nero
pepe nero q.b.
Procedimento
Impastare gli ingredienti della pasta fino ad ottenere un composto omogeneo ed elastico, quindi formare una palla, avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare per circa mezz' ora. Nel frattempo tagliare la pera dadini e ripassarla con pochissimo burro in un padellino per alcuni minuti, giusto il tempo che si ammorbidisca un pò e lasciare da parte. Preparare il ripieno mettendo in una ciotola la ricotta, il grana, il sale e il pepe. Lavorare bene il composto con una forchetta, aggiungere la pera e amalgamare bene il tutto. Preparare ora due sfoglie non troppo sottili e adagiare la prima sul piano da lavoro infarinato. Distribuire sulla sfoglia il ripieno di ricotta e pere in mucchietti adeguatamente distanziati, quindi ricoprire con la seconda sfoglia. Schiacciare con le dita intorno al ripieno e con un coppapasta e con uno stampino scannellato tagliare i dischi intorno ai mucchietti ottenuti. Sigillare di nuovo con le dita lungo il bordo dei ravioli e disporli mano a mano su un vassoio infarinato. Lessare i ravioli in acqua bollente salata per 6/7 minuti o secondo il vostro gusto e nel frattempo sciogliere il burro in un padellino. Scolare i ravioli, distribuirli nei piatti e condirli con il burro. Spolverare con il grana, una macinata di pepe ed infine il tartufo grattugiato al momento.





Devo dire che sono rimasta particolarmente soddisfatta di questi ravioli! Mentre a cena li mangiavamo non facevo altro che lodarmi da sola e credetemi non sono solita farlo!!! Il contrasto tra il sapore delicato del ripieno e quello più spiccato del tartufo, rendono questo piatto davvero eccezionale!!! Quindi è un ottimo candidato per la cena di Natale, anche se, ho ancora qualcosa di nuovo da provare!! 




L' unico rammarico riguardo a questi ravioli? E' quello di non poterveli fare assaggiare tramite il monitor...ma un rimedio c'è!! Preparateli subito anche voi e poi mi direte!!! Un bacio...Patrizia




Con questa ricetta partecipo al contest 
della dolcissima Tiziana del blog La pecorella di Marzapane




E visto che si parla di questo...
anche al 2° contest Ravioli








domenica 6 novembre 2011

I pangoccioli

Buona sera! Avete visto che tempaccio? Quasi tutta l' Italia è colpita dal mal tempo e le conseguenze in alcuni paesi sono purtroppo veramente tragiche e questo ci lascia tutti davvero molto addolorati e frastornati. La domanda che ci facciamo spesso negli ultimi giorni è questa: "Si può morire ancora nel 2011,  e in un paese come l'Italia, per la pioggia?" Sembra assurdo eppure è così! Ma lasciamo perdere queste domande a cui non c'è risposta e speriamo solo che in nostri connazionali riescano a tornare presto nelle loro case e che il tempo migliori...Ho pensato quindi per addolcire questa serata autunnale, di  proporvi questi classici panini con le gocce di cioccolato che tutti conoscerete...L' ho fatto riprendendo la ricetta direttamente dalla mia rubrica "Le merende dei bambini" del numero di ottobre di OPEN KITCHEN Magazine. Con l' occasione voglio anche ricordarvi che sta per scadere il contest " La cucina di Natale" lanciato da OPEN KITCHEN in vista dell' uscita per il  prossimo numero di Natale. Si tratta di un contest dove possono partecipare tutti proponendo dei piatti della  tradizione natalizia di tutto il mondo e i premi in palio sono veramente molto accattivanti. Perciò non vi resta che andare a leggere il regolamento qui ed affrettarvi a mandare la vostra ricetta alla redazione. Detto ciò passo subito ad illustrarvi come fare questi...

PANGOCCIOLI

Ingredienti:
( per circa 15 pezzi )
350 g di farina Manitoba
150 g di farina 00
70 g di zucchero
50 g di burro
2 uova intere
250 ml di latte tiepido + 2 cucchiai
1 bustina di lievito di birra disidratato
1/2 cucchiaino di sale
100 g di gocce di cioccolato
Procedimento:
Con l' aiuto della planetaria o a mano, impastare le farine con lo zucchero, il lievito, un solo uovo, il latte e il sale. A metà impasto, incorporare il burro ammorbidito e lavorare a lungo fino ad ottenere una pasta elastica e lucida. Formare una palla e metterla in una ciotola coperta con la pellicola. Fare lievitare per almeno un' ora o fino al raddoppio, quindi riprendere l' impasto e aggiungere le gocce di cioccolato rilavorandolo velocemente. Formare delle palline della grandezza di un mandarino, schiacciarle leggermente e disporle su una placca foderata con carta da forno. Lasciare lievitare di nuovo per almeno mezz' ora, quindi spennellare la superficie con il restante uovo unito ai due cucchiai di latte. Infornare nel forno già caldo a 200° per circa 15/20 minuti, facendo attenzione che non si colorino troppo come è successo a me!!!!


Un pò troppo coloriti ma comunque morbidissimi e da provare!


Buona serata a tutti e buona settimana!!
Un bacio...Patrizia




Ricordate di andare a leggere qui...mancano solo pochi giorni!!